Internet Day

Il Liceo “Muratori”, in occasione del trentesimo anniversario della prima connessione dell’Italia alla Rete, ha organizzato l’evento “30 anni di Internet: dall’Internet delle comunicazioni all’Internet della Conoscenza, delle Persone e delle Cose”.

Al seminario tenuto dalla prof.ssa Rita Cucchiara, professore ordinario di Sistemi di elaborazione dell’Informazione presso l’Università di Modena e Reggio Emilia, docente di Calcolatori Elettronici e di Visione Artificiale al cdl di Ingegneria Informatica e Direttore del Centro Interdipartimentale di Ricerca Industriale Softech-Ict di UNIMORE, hanno partecipato alcune classi del Liceo. L’evento è stato riportato dalla stampa locale e anche gli studenti ne hanno dato notizia sul giornale web della scuola nell’ambito del progetto Repubblica@scuola.

Gli studenti hanno poi reintrerpretato e rielaborato autonomamente quanto appreso nell’incontro, registrato con una particolare telecamera eye traking glasses, nel video qui presentato.

In particolare i ragazzi hanno riflettuto sui rivoluzionari cambiamenti apportati dalla diffusione di Internet in tutto il mondo e in tutti gli ambiti della vita umana. Chi è studente ora è infatti internet-nativo: probabilmente vede il fluire di tecnologie e potenzialità come un naturale susseguirsi di piccoli avanzamenti tecnici e sociali, senza pensare che l’oggi è completamente diverso dallo ieri di trent’ anni fa e sarà completamente diverso dal domani che ci sarà fra trent’anni.

Nel seminario è stato infatti presentato un piccolo excursus storico sulla tecnologia di internet, su ciò che è stato, “dal floppy al cloud”, su ciò che ora è Internet e si è discusso assieme quello che internet potrà essere, e che i giovani potranno realizzare.

 

Nel corso della conferenza gli studenti sono stati quindi sollecitati a pensare sul perché Internet sia diventato non solo il più potente strumento di comunicazione globale, ma anche un contenitore ed un creatore di conoscenza e di idee. E’ un sistema globale ma è anche individuale, dove le singole persone possono esprimere le capacità ed esperienze, vivere in connessione con gli altri, con l’ambiente ed ora con le cose. Il nuovo paradigma di Internet-of-Things che collega indistintamente la casa, e l’automobile, il museo e la scuola, l’ospedale e la fabbrica, apre un nuovo futuro che unisce cultura, scienza e tecnologia.

Ecco il video.

In allegato l'attestato di partecipazione al concorso.



Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.