Liceo Linguistico quadro orario 

 

N.B. LE LINGUE STRANIERE OGGETTO DI STUDIO SONO:  INGLESE, FRANCESE, TEDESCO, SPAGNOLO

(*) Variazione al quadro orario ministeriale approvate dal Collegio Docenti:4 ore di inglese nel triennio 

(**) le due materie Matematica e Fisica saranno insegnate in forma modulare nel corso dell'anno scolastico:  nel 1° quadrimestre saranno dedicate 4 ore settimanali all'insegnamento della sola Matematica; nel 2° quadrimestre, l'orario di Matematica si ridurrà a 2 ore settimanali e verrà introdotto l'insegnamento della Fisica per altre 2 ore settimanali.

(***) Nelle attuali classi quinte vengono svolte tre ore settimanali di Matematica e un'ora di Scienze Motorie, come variazioni al quadro orario ministeriale apportate dal Collegio dei Docenti nell'ambito della quota di autonomia riservata ai singoli Istituti.

 

Finalità

Il Liceo Linguistico, attraverso una didattica laboratoriale, capace di coniugare diverse metodologie didattiche, favorisce lo sviluppo di conoscenze, abilità e competenze necessarie per acquisire la padronanza comunicativa in tre lingue straniere. Il percorso del liceo linguistico si pone come obiettivo principale la formazione umana e culturale dei giovani cittadini di domani, europei e del mondo, approfondendo la cultura liceale dal punto di vista della conoscenza di più sistemi linguistici e culturali.

 

Profili formativi

Lo studente in uscita dal liceo linguistico, oltre a possedere un complesso di conoscenze/competenze riconducibili alle finalità generali di un percorso liceale, è un individuo e cittadino italiano ed europeo capace di:

- comunicare in due lingue moderne a livello B2, in una lingua moderna a livello B1;

utilizzare le lingue straniere in contesti sociali, professionali e disciplinari;

conoscere aspetti significativi delle culture e letterature straniere e saperle valutare in una prospettiva interculturale, sul piano sincronico e su quello diacronico;

comprendere criticamente l’identità storica e culturale di tradizioni e civiltà diverse;

riconoscere in un’ottica comparativa gli elementi strutturali caratterizzanti le lingue studiate ed essere in grado di passare agevolmente da un sistema linguistico all’altro;

-  confrontarsi con il mondo contemporaneo, aprendosi a occasioni di contatto, studio e scambio.