Il Liceo Muratori-San Carlo è il risultato della unione delle due storiche istituzioni della formazione e della educazione classica di Modena. Nell’autunno del 2015 infatti, dopo il parere positivo della componente insegnanti, i due Licei L.A.Muratori e San Carlo sono stati unificati dalla Provincia, organo competente nell’ambito del dimensionamento della rete scolastica.

Simile la storia dei due Licei, per antichità, per valore delle personalità dei Presidi e degli Insegnanti e per importanza nella formazione culturale di studenti che hanno dato prova nella vita e nell’impegno della forza etica e civile della formazione classica.

Custodire la vitalità della cultura classica è ora divenuto lo scopo di una sola scuola, per la quale “Il futuro ha un cuore antico”. E’ centrale infatti il patrimonio della Humanitas nella costituzione della personalità originale dei nostri giovani, eredi del nostro domani, che riconoscono la ricchezza interiore come patrimonio irrinunciabile.

Interpretare il presente, nella capacità di sostenere le passioni degli studenti, nella volontà di capire la realtà e di utilizzare i nuovi linguaggi, nell’ottimismo di chi è attivo con gli altri, costituisce la nostra sfida di ogni giorno.

Da due storie la nostra storia…..

 Il liceo Muratori trova la sua lontana matrice nell’ordinamento scolastico proprio dei collegi dei Gesuiti, che si diffuse tra la fine del ‘500 e gli inizi del ‘600. Dall’anno scolastico 1860-61 l’antica scuola dei Gesuiti di San Bartolomeo in Via dei Servi (che funzionava pressoché ininterrottamente almeno dal 1591) divenne Regio Ginnasio-Liceo.

Nel 1865 il liceo venne intitolato a Ludovico Antonio Muratori, storico rigoroso ed equanime, spirito enciclopedico, maestro di metodo, che nel collegio dei Gesuiti aveva ricevuto la sua formazione scolastica alla fine del XVII secolo. Nel 1973, il Liceo fu trasferito nell’attuale sede, in Viale Cittadella, nella quale hanno luogo tutte le attività didattiche; in essa si trovano le palestre, i laboratori, l’Aula Magna, la Biblioteca ed è custodito il notevolissimo patrimonio storico del Liceo.

Nel 1982 è stata istituita, a fianco dell’indirizzo classico, una maxisperimentazione a indirizzo linguistico che, a partire dall’a.s.1994/95, è stata adeguata alle indicazioni dei programmi “Brocca” (commissione ministeriale presieduta dall'On. Beniamino Brocca), salvando l’acquisizione del patrimonio di esperienze della sperimentazione autonoma e inquadrandola in un progetto nazionale.  

Al partire dall' a.s. 2010-2011, il liceo "Muratori" si articola, secondo la riforma Gelmini, in due indirizzi di studio: LICEO CLASSICO e LICEO LINGUISTICO

Il Liceo Classico San Carlo affonda le sue radici in un’istituzione culturale di illustri ascendenze quale fu la scuola del Collegio San Carlo, che iniziò la sua attività nel 1626 promuovendo molteplici iniziative culturali tra cui la fondazione della facoltà di Legge. Dal marzo 1862, con regio decreto, venne pareggiato alle scuole statali e dal 30 settembre 1970, in seguito a richiesta stimolata dall’intenso sviluppo economico e sociale della città di Modena, è diventato liceo statale a tutti gli effetti.

La presenza sul territorio modenese da quasi quattrocento anni e il contributo alla formazione delle intelligenze cittadine e nazionali di un tempo, costituiscono un’eredità che, accanto al vanto di una nobile tradizione, ha comportato l’impegno presente in una azione tutta proiettata verso il futuro: l’educazione delle giovani generazioni. Guardare al passato per costruire il futuro, maturando profonda consapevolezza del proprio presente, è la sintesi del progetto educativo che attraverso la riscoperta della tradizione culturale europea, a partire dalle sue origini greca e latina, attraverso il confronto con altre tradizioni culturali, ha voluto educare al dialogo e raccogliere, in modo critico, la sfida della società contemporanea, quella “società della conoscenza” in cui gli alunni devono darsi un progetto di vita.

Negli anni sono state introdotte tre sperimentazioni: la prosecuzione dell’insegnamento della lingua straniera inglese e francese nel triennio, a partire dal 1985/6; l’adesione al Piano Nazionale di informatica, a partire dall’anno 1988/89; la sperimentazione della doppia lingua straniera a partire dal 1996/97. Questo ha comportato un ampiamento dell’offerta formativa e una riformulazione dei curricoli anche in senso interdisciplinare e attento all’offerta culturale in ambito locale e non.

Nell’anno scolastico 2005/06 il Liceo Classico San Carlo ha ricevuto la Certificazione Qualità secondo le norme UNI EN ISO 9001:2000. La certificazione è stata frutto di un impegno e di uno sforzo collettivi che ha permesso ai docenti e a tutto il personale dell’istituto di acquisire un ruolo professionale avanzato e alla scuola di sviluppare positivamente la propria autonomia. Il valore aggiunto ottenuto attraverso la Certificazione è stato sicuramente acquisire la documentabilità e la rintracciabilità di ogni procedura, ma soprattutto costituire un gruppo di operatori più preparati, responsabili e sensibili alle innovazioni e alle problematiche della scuola nell’ottica del miglioramento. Si è ampliato negli anni il dialogo con la vita di un territorio in cui il vivace tessuto socio-economico, legato al settore terziario e alla piccola impresa, produce molteplici stimoli culturali; in particolare, l’Istituto ha mantenuto rapporti diretti con l’Università, anche per la definizione degli standard formativi, con gli Enti locali per l’attuazione di progetti, con le Associazioni culturali e di Volontariato per azioni comuni sul territorio.